Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
Immagine
NewsLetter
Martedì 03 Maggio 2011
Num 5, Marzo 2013 Num 4, dicembre 2012 Num 3, maggio 2012     Num 2, novembre 2011 Num 1, aprile 2011
Immagine
Download
Giovedì 17 Febbraio 2011
Sezioni: Reports di progetto Materiale divulgativo Altri reports/Deliverables Reports di progetto Re.S.C.We Final Report Progress Report ... Leggi tutto...
Immagine
News
Giovedì 17 Febbraio 2011
Il progetto si è concluso a Marzo 2013. Scarica qui la presentazione sintetica del progetto e segui le azioni after-life nella apposita sezione... Leggi tutto...
Italy flag 57%Italy (51017)
Unknown flag 18%Unknown (15997)
Ukraine flag 5%Ukraine (4594)
Russian Federation flag 2%Russian Federation (2057)
Germany flag 2%Germany (1648)
France flag 2%France (1435)
Netherlands flag 1%Netherlands (1272)
Brazil flag 1%Brazil (1059)
India flag <1%India (690)
Poland flag <1%Poland (651)
89614 visits from 165 countries

La Riserva della Sentina

Foto di Giovanni PiccininiNata il 14 dicembre 2004, la Riserva Naturale Regionale Sentina è la più piccola e una tra le più giovani aree protette della Regione Marche.

Un paesaggio di acqua e sabbia che si sviluppa per circa 180 ettari all'interno del Comune di San Benedetto del Tronto (Ente Gestore della Riserva), tra l'abitato di Porto d'Ascoli a Nord e il fiume Tronto a Sud.

Per un tratto di circa 1,7 Km, la zona immediatamente a Nord della foce del fiume Tronto risulta costituita da un cordone sabbioso con morfologia di duna piatta dietro la quale si rinvengono piccoli lembi di ambienti umidi salmastri e di praterie salate, ecosistemi ormai divenuti rari lungo la costa adriatica.

Dall'analisi di antichi documenti, nella Riserva Sentina si evince la chiara presenza di un bacino lacustre che a causa di successive urbanizzazioni ed opere di bonifica si è visto gradualmente scomparire.

Il biotopo presenta ancora un'eccezionale rilevanza floristica e biogeografica per le Marche, e più in generale per il settore centro-meridionale adriatico italiano. Oltre che per la vegetazione (il sito è stato dichiarato dalla Regione Marche “Area Floristica Protetta”), notevole è l'importanza dell'area per l'avifauna migratoria: essa costituisce infatti uno dei pochissimi punti di sosta per gli uccelli migratori tra il Gargano e le zone umide emiliane, tanto da essere riconosciuta come Zona di Protezione Speciale - ZPS (Direttiva Uccelli 79/409/CE) e Sito di Importanza Comunitaria – SIC (Direttiva Habitat 92/43/CE).

Nel logo dell'area protetta sono rappresentate le specie simbolo, che sono appunto un uccello (il Cavaliere d'Italia – Himantopus himantopus) e una pianta legata agli ambienti umidi e salati retrodunali (la Salicornia – Salicornia patula).

Il sito risulta estremamente importante anche dal punto di vista storico-architettonico; numerosi infatti sono i documenti e le testimonianze di una antica civilizzazione, anche da parte di popolazioni pre-romane che si sono insediate presso la foce del fiume Tronto.

Nella Riserva sono inoltre presenti numerosi edifici e manufatti rurali che testimoniano l'antico utilizzo agricolo dell'area. Di particolare rilievo è l'edificio denominato “Torre sul Porto”, il cui corpo originale risale al 1543 quando fu costruito al fine di proteggere la zona costiera dalle incursioni dei pirati saraceni.